Waves fa grandi onde e ora supporta anche Smart Contracts

Il 10 settembre, il team di Waves ha annunciato di aver implementato Smart Contracts sulla rete principale. Di conseguenza, il prezzo delle onde è aumentato del 30%. Tuttavia, ci vorranno ancora circa due settimane prima che gli Smart Contracts possano finalmente essere lanciati in rete.

Da qualche tempo, gli utenti di Waves hanno potuto emettere i propri gettoni sulla blockchain, che le parti interessate possono scambiare su uno scambio integrato e decentralizzato. Come la funzione di leasing, che facilita la partecipazione alla prova di accettazione, tutte queste funzioni sono accessibili agli utenti non tecnici attraverso un’interfaccia utente grafica intuitiva. Più di un anno fa BTC-ECHO ha descritto in dettaglio come emettere o vendere il proprio gettone sulle onde. Anche le altre funzioni promettono una buona accessibilità.

Ora Waves ha annunciato che il piano di integrazione degli Smart Contracts nel sistema esistente è entrato nella sua fase finale. Il tempismo non poteva essere migliore: Ethereum è attualmente oggetto di incursioni da tutti i lati ed è in discussione l’idoneità della valuta criptata per gli Smart Contracts. Nel frattempo, Waves può posizionarsi come piattaforma alternativa per gli Smart Contracts. Il prezzo delle Onde ha risposto di conseguenza: dall’annuncio, il prezzo è aumentato del 30%. Anche se da allora il prezzo delle azioni ha subito un leggero consolidamento, si colloca ancora al di sopra del 20% rispetto al prezzo originale.

Conti intelligenti: processi sicuri invece della completezza di Bitcoin formula

A differenza del caso di Bitcoin formula, un’attenzione particolare è rivolta alla semplicità: https://www.onlinebetrug.net/it/bitcoin-formula/ Il team di Waves descrive la sua visione dei contratti intelligenti con gli “Smart Account”. Questi possono essere immaginati come modelli per gli Smart Contracts, che possono essere utilizzati rapidamente per diversi campi di applicazione. In termini tecnici, si tratta di Turing Smart Contracts incompleti. Gli utenti possono scrivere semplici script, ma gli sviluppatori non hanno deliberatamente implementato cose come funzioni personalizzate, loop o ricorsi per escluderli come potenziali fonti di errore e di attacco.

Con l’aiuto degli Smart Accounts diverse cose dovrebbero essere realizzabili: Oltre ai portafogli a più firme, ossia portafogli gestiti da più conti, le parti interessate dovrebbero anche essere in grado di istituire Atomic Swaps o Oracles. Gli emittenti di gettoni possono stabilire un periodo di tempo specifico durante il quale gli acquirenti non possono vendere questi gettoni – il che può contrastare i sistemi di pompaggio e di scarico nelle prime fasi di un progetto. Infine, il voto in whitelist dovrebbe consentire agli utenti di attuare rapidamente le varie forme di processi elettorali a ondate.

Grazie a queste cinque funzioni principali, gran parte degli interessanti Smart Contracts può essere mappata anche senza la completezza di Turing: I portafogli multifirma consentono sia l’autenticazione a due fattori che l’apertura di un fondo decentrato. Gli oracoli e il voto in whitelist possono essere utilizzati per implementare rapidamente i mercati di previsione. Congelando i gettoni si ha un po’ più di sicurezza sul prezzo dei gettoni quando li si vende. Ciò che attualmente non può essere fatto sulla catena a blocchi Waves può essere fatto da Atomic swaps su altre catene a blocchi.

Il tutto dovrebbe essere impostato tramite un’interfaccia utente grafica di facile utilizzo. L’approccio si inserisce nella strategia di elevata usabilità finora perseguita. Un’altra particolarità è che le spese per questi conti intelligenti dovrebbero essere completamente prevedibili. Non ci si può quindi aspettarsi una controparte di Waves in un mercato del gas, Ram o della larghezza di banda.

Smart Contracts è a due settimane di distanza

Ma prima di voler provare subito gli Smart Contracts corrispondenti, c’era un buon motivo per parlare della fase finale. Devono trascorrere almeno due settimane prima dell’attivazione finale, in cui si svolgerà una votazione sulle nuove funzioni. L’80% dei blocchi prodotti deve accettare il cambiamento entro i 10.000 cicli di blocco o circa una settimana. Solo in questo caso è possibile attivare la nuova funzione, che a sua volta richiede altri 10.000 cicli di blocco. Se per allora volete saperne di più sui dettagli tecnici dietro Waves Smart Contracts, dovreste leggere attentamente il white paper.