La BCE tiene d’occhio le valute criptate, ma non vede nessun rischio

La Banca Centrale Europea (BCE), pur difendendosi dalla loro regolamentazione, sta tenendo d’occhio le valute criptate: lo sottolinea il direttore della BCE Benoît Cœuré in un’intervista con Le Journal du Dimanche. Come riporta il quotidiano francese della domenica di fine ottobre, la banca centrale sottolinea, tuttavia, che le valute cripto non sono un “rischio monetario”. Le conseguenze che l’autorità monetaria suprema dell’UE trarrà dalla crescente importanza del mercato della crittografia a lungo termine rimarranno quindi nell’oscurità.

In considerazione della crescita dei mercati e di un corso Bitcoin apparentemente inarrestabile, alcuni potrebbero essere sorpresi che in Europa manchi ancora un intervento normativo.

Tuttavia, la BCE non guarda dall’altra parte, questo messaggio è sottolineato dal direttore della Banca centrale Benoît Cœuré. Quando gli è stato chiesto perché la BCE ha ignorato le valute criptate, ha spiegato alla fine di ottobre: Noi non li ignoriamo.

Attualmente, le valute criptate non presentano rischi Bitcoin trader monetari

Al contrario, i mezzi di pagamento digitali sono un fenomeno marginale, secondo la banca centrale ed economista che, prima di entrare nell’école Nationale de la Statistique et de l’Administration Économique (ENSAE) et Bitcoin trader, ha lavorato come direttore della suprema autorità di bilancio francese, l’Agence France Trésor: https://www.onlinebetrug.net/it/bitcoin-trader/

Il 48enne Cœuré continua dicendo che il fatto che le monete cripto devono ancora essere tenute in considerazione è dovuto da un lato al loro potenziale criminale. D’altra parte, è anche importante considerare il possibile utilizzo nei paesi senza contanti.

Così, la BCE, che non sarà rimasta all’oscuro della loro crescente penetrazione del mercato, sembra prendere seriamente le valute cripto in linea di principio, nonostante questa concessione, la più alta autorità monetaria dell’UE respinge quindi ancora una volta le valute cripto.

Il presidente della BCE Draghi: il regolamento di Bitcoin “non in nostro potere
Il fatto che le valute cripto non devono essere regolamentate è stato sottolineato da ultimo dal presidente della BCE Mario Draghi alla fine di settembre, come riferisce BTC-ECHO. Egli vede le ragioni di questo nella mancanza di una base per la gestione concreta di Bitcoin e di altre valute cripto. Non sarebbe semplicemente di competenza della BCE regolamentarla o addirittura vietarla del tutto.

Il compito principale della BCE è quello di mantenere la stabilità dei prezzi nell’area dell’euro e quindi mantenere il potere d’acquisto dell’euro. Secondo Mario Draghis, le valute criptate non sembrano rientrare in questo campo di lavoro. L’accettazione da parte della banca centrale di valute criptate in Europa è quindi probabilmente esclusa per il momento.

Euro o niente

A settembre, ad esempio, Draghi si è incontrato con un chiaro rifiuto della spinta dell’Estonia a creare una moneta nazionale digitale. In precedenza, Kaspar Korjus, direttore del programma di e-residenza estone, aveva proposto di utilizzare un Estcoin come moneta nazionale digitale. A ciò si è tuttavia contrapposto un forte vento contrario da parte della BCE:

Perché nessuno Stato membro della zona euro è autorizzato a introdurre la propria moneta. Secondo Draghi, l’euro deve sempre rimanere l’unica valuta valida nell’area dell’euro.

L’istituto con sede a Francoforte sta quindi perseguendo una strategia completamente diversa da quella delle banche centrali, che hanno valute cripto con un club di regolamentazione. Oltre all’autorità statunitense di vigilanza dei mercati finanziari SEC, le autorità della Corea del Sud, della Repubblica popolare cinese, del Canada e del Regno Unito, tra gli altri, intervengono nei loro mercati nazionali di cripto.

Come riferisce Handelsblatt, a metà settembre la Banca dei regolamenti internazionali (BRI), un’organizzazione di banche centrali, ha consigliato ai banchieri centrali di tutto il mondo di non ignorare le valute criptate come il Bitcoin. Anche la direttrice del FMI Christine Lagarde ha chiesto a settembre che il denaro cripto sia preso sul serio.

Beh, il codice DASH si basa su quello di Bitcoin

DASH, come hai detto tu, è una moneta criptata che permette transazioni anonime e istantanee, rendendola una controparte elettronica al contante.

A differenza di altre valute di crittografia, DASH utilizza una rete di server che eseguono più compiti dei nodi tipici. Ecco perché sono chiamati nodi master. Si tratta di una rete decentralizzata, poiché in linea di principio ognuno può avviare il proprio nodo master.

Come si realizza tecnicamente?

Per le transazioni istantanee, un gruppo selezionato a caso di nodi master – il cosiddetto quorum – può bloccare le transazioni in modo da evitare spese doppie. Con l’aiuto di questo quorum, il beneficiario sa dopo poco più di un secondo che il pagamento è stato ricevuto in modo sicuro. Questo rende DASH una soluzione adatta per transazioni veloci come l’acquisto di un computer.

I nodi master offrono inoltre agli utenti una grande privacy cancellando la storia delle transazioni delle singole monete su richiesta, aumentando così la fungibilità della valuta.

Oltre all’anonimato e alle transazioni istantanee, la terza parola chiave che viene in mente su DASH è lo speciale sistema di governance: non solo i minatori, ma anche gli operatori dei nodi master e gli altri stakeholder che sostengono il lavoro di pubbliche relazioni per la moneta digitale ricevono una quota delle royalties raccolte attraverso le commissioni minerarie e di transazione. Come si garantisce che il denaro sia ripartito equamente tra questi partiti?

A mio parere, il sistema di governance è la più grande forza di DASH!

Attraverso questo sistema tutti possono contribuire allo sviluppo della rete. Questo garantisce che il destino della moneta criptata non è solo nelle mani dei minatori e di una cerchia definita di sviluppatori. Chiunque può presentare una proposta alla rete.

Possono chiedere una decisione consensuale dell’intera rete su questioni importanti o chiedere un sostegno iniziale per la realizzazione di idee per migliorare la moneta digitale o il suo ecosistema.

Queste proposte vengono votate dalla rete stessa (cioè dai gestori del nodo master), garantendo che questi fondi siano messi a disposizione di progetti che la rete trova preziosi.

Sull’ultima domanda, vorrei tornare su di essa: si potrebbe dire che il sistema di governance di DASH ricorda un DAO. Ora sappiamo della fine del più famoso DAO. Esistono concetti di sicurezza che rendono impossibile qualcosa come il DAO Exploit?

Beh, il codice DASH si basa su quello di Bitcoin – che si è dimostrato estremamente robusto attraverso molti test. Inoltre, il codice di governance è stabile e non è stato controllato dalla metà del 2015.

Il codice viene testato prima di ogni nuova release secondo tutte le regole dell’arte ed è open source, in modo che tutti possano dare un’occhiata più da vicino a questo codice.

Gli operatori dei nodi master sono, come avete spiegato brevemente, coloro che decidono quali proposte sono accettate o respinte. Se un progetto viene approvato e una certa somma di denaro è a disposizione dei proponenti, come viene regolamentata questa distribuzione? Si basa su una sorta di contratto intelligente o come si garantisce che il progetto riceverà la somma richiesta?

La rete stessa regola il pagamento agli indirizzi dei progetti approvati. Ogni mese, tutte le proposte approvate che rientrano nel budget sono pagate direttamente dalla stessa catena di blocchi. Questo accade con i “super blocchi” banditi in questo modo. Il processo è completamente automatizzato e nessuno può intervenire qui.

Mentre questo tipo di governance è più o meno unico nel mondo della crittografia, la critica è a volte anche forte: chi vuole gestire nodi master deve mettere da parte una sicurezza di 1000 DASH. I critici ritengono che il destino di DASH sarebbe quindi nelle mani dei ricchi. Che cosa dice a queste preoccupazioni?

Per quanto si può capire tali preoccupazioni: Questa riserva è una riserva per imprevisti, una riserva collaterale. Senza di essa, un aggressore potrebbe costruire una grande rete di masternode a costi molto bassi – non solo prendendo il controllo della governance DASH, ma corrompendo l’anonimato e la fungibilità della moneta criptata. Questa sicurezza di 1000 DASH garantisce una rete decentralizzata.

A questo punto, vorrei anche sottolineare che la nostra tabella di marcia prevede un concetto chiamato “Masternode Shares”, un concetto che alla fine dovrebbe consentire a tutti di partecipare alla rete.